The Floating Piers …Ma di cosa stiamo parlando?!?

“Galleggia ma non è un gommone, cos’è???”

borra

Ma come, è The Floating Piers (“i pontili galleggianti” tradotto per voi da Google Translate), la nuovissima installazione artistica che collega le località di Sulzano, Monte Isola e l’isoletta di San Paolo. Lo so, avreste preferito che collegasse Playa Desnuda alla Soledad passando per la Palapa ma non tutti i desideri si avverano; la vera domanda è:

cosa

La SuperSimo, incuriosita quanto noi, ci introduce in questo mondo di arte, teloni arancioni e misticità forzata, tutto questo per farvi capire meglio se andare o meno a vedere l’opera TEMPORANEA (affrettatevi amici, ed avrete in regalo anche una batteria di pentole) di cui tanto si parla in questi giorni.

Prima di tutto spieghiamo a voi pazzeschi lettori che questa opera artistica non è altro che un mega ponte galleggiante pedonale; già vi vedo, esaltati come quando non vedevate l’ora di saltare sulle megareti del Brasile all’Expo…

invece

E invece CICCIA! Sul ponte pedonale acquatico si cammina, si va pacati, ci si stende e ci si accascia con ipoglicemie mortali ma, assolutamente, non si fa casino né ci si sale coi mezzi di trasporto. L’artista propone al visitatore di togliersi le scarpe e camminare scalzo sul ponte per amplificare l’esperienza di libertà e pace che lo caratterizzano, aggiungerei anche la possibilità di prendersi delle belle verruche sotto la pianta del piede, quindi sempre massima prudenza!

eww

The Floating Piers is the new Albero della Vita, non sarete nessuno senza una foto sulla passerella arancione quindi, come delle Sailor Moon da quattro soldi, sfoderate il vostro selfie stick come lo Scettro Lunare e scattate, condividete, instagrammate o twittate.

scettro

Un altro elemento che caratterizza quest’opera d’arte è la temporaneità. Il ponte infatti rimarrà in sito solo dal 18 giugno al 3 luglio 2016, molto più longevo della carriera di Beppe Bigazzi dopo aver illustrato la ricetta del gatto in umido alla Rai. Quindi, se la vostra intenzione è quella di andarci, vi consiglio di sbrigarvi o vi aspetta una lunga vita di rimpianti.

Come ogni attrazione italiana che si rispetti, preparatevi alle lunghe code; di per sé il ponte non ha un accesso a tempo o a pagamento, ma le condizioni atmosferiche e acquatiche possono rendere la passerella più scivolosa di un campo di calcetto saponato, quindi rischierete di arrivare lì e dover attendere (conosco gente che ha atteso anche 6 ore) per potervici salire sopra. Prestando attenzione a non scivolare nelle gelide acque del Lago di Iseo diventando così i nuovi Ariel e Flounder.

caduta

L’afflusso di turisti nei piccoli centri abitati incrementerà i prezzi, le code alle fontanelle e i parcheggi (un minuto di silenzio per i poveri cittadini costretti a vivere nel caos totale ogni giorno).

business

Lo specchietto per le allodole è legato alla “misticità” dell’opera: l’autore chiamato Christo, che crea un percorso sulle acque, ci ha visto lontano, attirando a sé schiere di religiosi, curiosi di sentirsi “Gesù per un giorno”.

sfranta

Il tempo stringe e leggere questo articolo non aiuta, quindi vi lascio, liberi di visitare The Floating Piers oppure no, ci risentiamo qui.

col cuore

Commenti via Facebook
Mattefloxacin88

Mattefloxacin88

Mentre scrivo ho 29 anni e nella vitaguadagno il pane facendo l’infermiere. Di origini emiliane, faccio la mia apparizione dalla Riviera Adriatica circondato dalle acque come "Valeria Lo Spirito della Fonte", per arruolarmi tra i Ponza’s Angels. Mi batto affinché nessuna “trashata” rimanga nascosta o dimenticata. Sono portatore sano di Maniglie dell'Amore e di R moscia. Tra i miei superpoteri troviamo la capacità di dormire 2 ore a notte ma essere comunque fresco come una rosa ed una pazienza (quasi) infinita, gli altri li sto ancora sviluppando.
Mattefloxacin88

Latest posts by Mattefloxacin88 (see all)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: