The Lady S02E03: Wi-Fi, aforismi e carte di credito.

Oggi me sento allegra, adrenalina al top: infatti siamo in ritardo rispetto al consueto appuntamento del giovedì pomeriggio con la nostra ESCLUSIVA analisi in gif e recensione dell’ultimo capitolo della saga di The Lady, ma solo perché il terzo episodio andato in onda questo mercolady ha diviso interamente i fan della serie e noi in primis. La trama ha subito un ulteriore rallentamento, lasciando spazio ad una miriade di frasi che potremo utilizzare nei nostri dialoghi su twitter e – BADABEN – solo lì, perché se ci azzardassimo a farlo nella vita reale (quella che fa schifo, per intenderci), ci ritroveremmo tutti insieme nel miglior centro psichiatrico d’Italia a far compagnia a Paolo Mari del GF9.

Ma se c’è una cosa che Barbara d’Urso mi ha insegnato in otto anni di pomeriggi buttati passati in sua compagnia, è il tergiversare per ore ed ore parlando del nulla e fingendo di avere qualcosa di interessante con cui intrattenere il pubblico. Allora, here we go!

Innanzitutto dobbiamo cercare di confrontarci su una questione, magari lanciamo un sondaggio su twitter, andiamo a chiedere agli esperti di elettrodomestici, non so: ricordate che la scorsa puntata si apriva con il moroso di Zora che la definiva “donna con la doppia A”? Bene, in questa puntata Zora si autodefinisce un Wi-Fi, perché – citando testualmente – trasmette ai suoi devoti il senso del dovere verso concetti e ideologie che lei predilige (EH?!); quindi, presumibilmente ci troviamo di fronte al primo caso di lavatrice dotata di connessione ad internet. Ci viene facile pronosticare che il quarto mercolady dell’anno comincerà dicendo che Zora è anche un ferro da stiro e che sarà presto messa online per aiutarci a fare regali utilissimi alle nostre mamme per questo Natale.

Non sappiamo cosa tu sia realmente, cara Zora, sappiamo che dobbiamo odiarti perché vuoi rubare lo scettro alla nostra regina di emozioni e non possiamo permetterlo, però possiamo immedesimarci con le tue reazioni connesse al segnale Wi-Fi che è in te. O che sei tu. Chi c’ha capito nulla, raga?

copertina-TL3

Poi vabbè, Zora, sono tre puntate che dici che c’hai un piano infallibile e sono tre mercolady che te ne stai come una zingara sotto ai ponti assieme a quattro poracci a sparare minchiate mentre la lady può permettersi di non aver messo piede in ufficio da inizio anno e lavorare comodamente da casa. Dove vuoi arrivare così? Agiamo! Inizia a prendere lezioni di italiano, ti pare che favorito possa sostituire preferito? Eddaje.

TL8

TL9

Lona ha magicamente dimenticato la borsetta sparita nel nulla, la cassaforte violata nella casa di Miami e la ricerca di tale Vito che dilaniava i suoi pensieri nella scorsa puntata senza nemmeno chiedere l’intercessione di Federica Sciarelli: adesso la vediamo bella tranquilla nel suo attico con vista giardino verticale a fare amicizia con il tipo che l’aveva accolta al Vogue Ambition nella prima puntata, sforzandosi di cercare tutti i sinonimi di “frocio” per non offenderlo e optando per un sempreverde “vista la tua estrosità..” per camuffare i suoi pensieri da Porella Cuccarini.

TL1

Durante il soliloquio tra il neurone che i due condividono, Lona propone la consulenza artistica del suo canale televisivo preferito (che, tra l’altro, fa richiamo al termine più coniato dell’anno: CHOC) all’uomo, che guarda caso ha un fidanzato stilista da raccomandare alla boss. Ragazzi, io ve l’ho sempre detto che The Lady è come La Grande Bellezza che racconta l’Italietta al mondo intero, solo in chiave più nuda e cruda, e queste raccomandazioni velate nella sua opera sono il modo in cui Lory vuole smuovere tutto il marcio del nostro Paese.

TL3

TL4

Tra una prova balcone di Lona ed un’altra, c’è anche spazio per un toccante momento mamma-figlio in cui Manuel (il tatuato che era stato provinato nello scorso episodio ed aveva ricevuto le avances toreire da Alex) vede venir meno il supporto della madre per il raggiungimento del suo sogno, che pensiamo possa essere quello di avere un sogno nella vita o fare il bodyguard per la lady, chissà. La nuova stagione di C’è Posta Per Te inizia a gennaio e, grazie a Lory, Maria ha già la prima storia di rappacificazione in famiglia per far scatenare le groupie del suo pubblico a suon di “la mamma è sempre la mamma!”.

Ma perché avere una mamma quando puoi farti una mamma? È stato presumibilmente questo il ragionamento del belloccio Manuel quando si è presentato dal nulla di fronte alla Kylie Minogue italiana, un po’ criminologa Bruzzone, un po’ Ivana Spagna che era in una boutique a far shopping. Se si siano conosciuti su Tinder non ci è dato saperlo e poco ci importa, perché le scene susseguitesi al loro incontro sono da Oscar immediato.

TL13

TL14

Citazione a parte e premio indiscusso come perla massima di questo inizio stagione per la simpatica e carismatica commessa del negozio presso cui avviene l’incontro tra i due neoamanti. La critica si divide sulla punteggiatura da usare nel riportare tale citazione: è “adoro gli aforismi. Carta di credito?” oppure “adoro gli aforismi, carta di credito?”; io credo che Lory abbia scritturato la seconda, con la virgola, perché è quello che vorremmo fare noi tutti i giorni parlando coi nostri genitori, insomma, siamo disposti ad ascoltare le vostre ramanzine, sono molto interessanti, basta che alla fine sganciate i soldi.

TL12

Il vero colpo di scena nella trama ce lo dà Doris, che – udite udite – ha completato i casting per trovare la nuova guardia del corpo alla boss Lona. Quindi no more toreria camuffata sotto il nome di casting, ma siamo sicuri che le comparse maschili del nostro film preferito continueranno a sfidare raffreddori, febbre e colpi della strega fino all’ultimo episodio. Poi comunque è un bel vantaggio e un bel risparmio non dover comprare una maglietta da indossare sul set, un bello schiaffo morale alla crisi e solidarietà ai più poveri. Commercianti all over the world, abbassiamo i prezzi e rendiamoli più accessibili per gli attori di The Lady!

Abbiamo assistito anche all’uscita di scena di Maccio Capatonda, ed io aggiungerei finalmente. Insomma, sei molto simpatico, per carità, ma in The Lady non cerchiamo attori che interpretino al meglio la propria parte e Maccio non rendeva al meglio la parte che Lory aveva pensato per lui, non le rendeva giustizia. Era come andare al concerto di Britney Spears e ritrovarsela a cantare live. Ma ti pare che io vado a sentirmi le stecche di Britney col microfono aperto?

TL7

Ma il momento più orgasmatico della puntata non poteva non regalarcelo lui, King Chang: una donna bussa alla porta e lui è subito lì pronto ad avvisare Doris (poi io non ho capito, prima serviva Lona ed ora Doris, vivono tutti assieme?) dando vita al revival più iconico della storia del cinema online italiano. Ma soprattutto noi non sapremo mai chi fosse quella donna arrivata ad un passo dalla gloria e dalla fama che The Lady regala.

TL-15

TL6

 

Ci saranno nuove svolte nell’intricata trama di The Lady? L’esercito oscuro si rivelerà essere una gang bang? Ci sarà la svolta gay?

TL11

Schermata-2015-12-02-alle-19.06.43

L’appuntamento è ovviamente per il prossimo Mercolady per essere permeati da nuove, sconvolgenti rivelazioni sulla vita tramite gli occhi di nostra signora Lory Del Santo. Fino ad allora, grazie multiple, Lory.

TL16

TL2

TL10

 

 

 

 

Commenti via Facebook
capatesuspigolo

capatesuspigolo

Mi esprimo meglio con le immagini che con le parole e per questo tutti i piani tariffari mi stanno stretti. Ho il terrore di diventare un poraccio inconsapevole come Federica Panicucci e spero che Barbara d'Urso mi guidi nella retta via dei 100% cretini e contenti.
capatesuspigolo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: