The Voice of Ponza – Battles 1a Puntata: The Voice of Quanto mancaaaaaaaa

The Voice of Ponza

Sembra incredibile, ma siamo finalmente giunti a una nuova fase di The Voice. Abbandonate le blind auditions e soprattutto gli abiti ormai rancidi dei quattro giudici per le prime quattro puntate, si apre questa sera la fase delle battaglie. Vorrei subito raffreddare gli entusiasmi di chi si attende duelli in stile Celebrity Death Match, con sangue e teste mozzate: questa sera i concorrenti di ciascuna squadra si sfideranno tra di loro a colpi di ugole e svisate e sarà proprio il loro coach a decidere chi passerà alla fase successiva e chi tornerà nell’anonimato “non ti preoccupare è un no per The Voice, ma un sì nella vita”.

Udite udite i quattro giudici questa sera non solo cambieranno i vestiti, ma saranno anche affiancati da quattro ospiti d’eccezione. Riccardo Cocciante ha scelto i Modà, giocandosi quei punti simpatia che si era faticosamente conquistato nelle puntate precedenti; Noemi sarà affiancata da Mario Biondi, che dopo aver cantato la sigla del Commissario Rex credo sia stato radiato dall’albo degli artisti; Raffaella Carrà ha chiamato l’amico Gianni Morandi al grido di “ROTTAMAZIONE e COPROFAGIA!”, mentre Piero Pelù ha voluto accanto a sé Cristiano Godano dei Marlene Kuntz. Voi dite quello che volete ma se io sento “Godano” penso solo al Gadano di Passaparola. E ricordo che siamo tutti Letterine.

Raffaella si riprende subito sfoggiando un look pazzesco con tanto di zinne in bella mostra che altro che GILF.

Raffaella Carrà Dance

Stefania vs Marianna. La Raffa, che ormai da secoli sa come si fanno soldi sulle spalle dei gheis, sceglie come canzone The Edge of Glory di Lady Gaga. Siamo sicuri che il regolamento non consenta di eliminarle entrambe? Einvece passa Stefania.Lady Gaga

Savio vs Denny. 2098 anni in due, ma ovviamente qui si tifa per l’autore dell’indimenticata Single. Duellanno sulle note di Crazy dei Gnarles Barkley, come deciso dal loro coach Piero Pelù, sempre più coatto. Roba che se lo incontrassi per strada dopo la mezzanotte probabilmente metterei mano allo spray al peperoncino. La battaglia finisce a colpi di sviso in faccia e inaspettatamente vince Denny, visto che Savio aveva la stessa presenza scenica di un attaccapanni.

Jessica vs Maria Teresa. Il Team Cocciante comincia con un pezzo da novanta. E no, non sto parlando della canzone (Total Eclipse of the Heart di Bonnie Tyler), ma parlo di Jessica Morlacchi dei Gazosa. Sorvolerò sugli istinti violenti che la visione di Kekko dei Modà mi provoca. Cocciante recupera punti simpatia e sceglie Jessica, mentre Maria Teresa e i suoi genitori, per il ciclo “Sappiamo accettare una sconfitta” sono pronti a buttarla sulla sceneggiata e il melodramma.

Giuliana vs Paola. È arrivato il momento del Team Lesbo Team Noemi. Daje de forbice, daje de punta, Noemi sceglie per loro Fireworks di Katy Perry che, non a caso, cantava anche I Kissed a Girl. Ditemi voi se questo non è un complotto. Un rivolo di sangue inizia ad uscire dal mio orecchio destro per questa indimenticabile performance ad alto tasso di testosterone. Passa Giuliana mentre diciamo addio alle camicie a quadrettoni di Paola. Ciao Paola, torna nei boschi ad insegnare come abbattere gli alberi a colpi di accetta.

Daniele vs Matteo. Il brano scelto per loro è This Love dei Maroon 5. Daniele Vit ci ha sinceramente sfrantecato i quattro quarti visto che si presenta a qualsiasi tipo di provino televisivo. Quindi per me la Raffa lo può tranquillamente eliminare che tanto ce lo troviamo il prossimo anno ad X Factor. Tutto il testosterone che c’era nella sfida precedente è stato bilanciato dall’assenza di mascolinità in questa sfida, unita ad ampi sculettamenti. Ritroveremo ai live Matteo, mentre Daniele prende così bene l’eliminazione che osa perfino contraddire la Carrà. Spero sia già stato emesso un mandato di cattura.

Francesco vs Roberta. “Una battaglia molto rock”, così l’ha definita il sempre incisivo Fabio Troiano, conduttore carismatico del programma. È una bella sfida tra lui e il carisma di Godano dei Marlene Kuntz. I due concorrenti che si sfidano hanno invece molta più grinta e si esibiscono su Pigro di Ivan Graziani. Non esprimo giudizi dovuti al fatto che non conosco questa canzone perché se no poi mi cazziate nei commenti. In generale però mi sembrano fino ad ora la coppia più brava. Per la gioia di tutti gli amanti dei bear della penisola, vince il duello Francesco.

Lisa vs Giulia. Cocciante decide di farle sfidare sulle note di Nothing Compares To You di Sinead O’Connor, mentre io decido che di innamorarmi della ragazza che sfoggia il look alla Miley Cyrus. Mi sembrano comunque due molto brave. Passa Giulia, ossia Miley, e io sono soddisfatto. E sogno già la cover di Can’t Be Tamed.

Jacopo vs Flavio. Noemi sceglie per i suoi due concorrenti La differenza tra me e te di Tiziano Ferro. E subito Flavio a mettere le mani avanti perché voleva un pezzo più soul e in inglese. Ma siccome non sei mica le destini ciails, spero che ti accomoderai presto alla porta. Io sinceramente questo duetto l’ho capito poco. Così come ho capito poco la scelta di Noemi che fa passare Flavio.

Britney Spears

Denise vs Paola. A me Paola sta simpatica perché mi identifico totally in lei e sento già di volerle bene. Il duello sarà sulle note di Scende la pioggia di Gianni Morandi. Sul palco Denise si muove come un’indiavolata e soprattutto pensa di essere nelle Pussycat Dolls, ma NO. E comunque supertop Raffaella che sceglie Paola.

Valentina vs Marika. Le due ragazze cantano una delle mie canzone preferite ever, un pezzo che ogni volta che lo sento mi fa sognare di essere sul bancone del Coyote Ugly: Proud Mary di Tina Turner. Nonostante i problemi che hanno avuto nella preparazione del brano, sul palco risultano pazzesche. Sarà però solo Marika ad arrivare alla fase finale.

Samule vs Donato. (Io ve lo dico sto cedendo e nella mia testa riecheggia solo la voce di Simona Ventura che domanda: “QUANTO MANCAAAAAA?”. Quindi potete capire l’emicrania che mi attanaglia). Con un occhio mezzo chiuso e l’altro pure apprendo che è stato scelto Donato, dopo un’esibizione durante la quale hanno fatto del male a Zucchero con Senza una donna.

A questo punto, con un montaggio da Oscar, la regia ci comunica che la puntata è finalmente finita, facendoci rivedere gli ailait della serata. Senza dubbio lo show pagherà in termini di ascolti, visto che le battles sono decisamente meno appassionanti e meno coinvolgenti rispetto alle blind auditions. Prevedo chiusura del programma in 3… 2… 1… Per un commento più approfondito sulla serata l’appuntamento è come sempre per domani con i nostri quattro coach (il sottoscritto, Annabelle Bronstein, Fabry e Filodrama) per una nuova puntata di Push The Bottom.

[Le puntate precedenti di The Voice of Ponza]

The Voice of Ponza

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: