636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Vedi le Poste e poi muori

Poste Italiane mi ha scritto una lettera. Già solo questo fatto avrebbe dovuto farmi preoccupare.

Poste Italiane mi ha scritto per dirmi che “stanno facendo un’eccezione solo per me”. Tant’è che poi non fanno neanche lo sforzo di cominciare con “Gentile Signor Ponza”, ma con un generico “Gentile Cliente”. Il vero dramma, però, è che mi invitano caldamente a recarmi in uno dei loro uffici per completare non so quale procedura per la sicurezza della Postepay. Non so voi, ma io quando devo andare in Posta inizio a sudare freddo e, tanto per non rischiare, mi prendo sempre una settimana di ferie, visto che una volta entrati in un ufficio postale non si sa mai quando, ma soprattutto se, mai si uscirà. Ricordo che qualche tempo fa misi in crisi l’intero ufficio postale di Cesano Boscone con la mia stravagante ed esotica richiesta di avere una penna per firmare un documento che loro stessi mi chiedevano di firmare.

Potete quindi capire il mio stato d’animo nel ricevere la loro lettera. Colgo l’occasione per stilare una lista di dieci cose che preferirei fare invece che andare in Posta:

  1.  andare in gita in motoscafo nel triangolo delle Bermuda lasciando il timone al Comandante Schettino;
  2.  ascoltare un intero comizio di Pierluigi Bersani;
  3.  ascoltare fino alla fine un cd fatto di duetti tra Ligabue e Vasco Rossi;
  4. farmi impalare;
  5. sottopormi alla pratica del waterboarding;
  6. leggere il libro di Guglielmo Scilla che, a quanto pare, vuole insegnarci come rimorchiare le donne;
  7. andare a vedere Titanic 3D al cinema;
  8. vedere una puntata intera di Qui Radio Londra;
  9. andare a un concerto dei Tiromancino;
  10. buttarmi in testa 10 bicchieri d’acqua.
Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (20):

  1. halfblood

    6 marzo 2012 at 00:07

    io voto per il giro in motoscafo con comando by Schettino! ODIO LE POSTE!!! e da quando ho chiuso il mio conto bancoposta la vita mi sorride!

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:12

      Addirittura un conto in Posta? Io piuttosto la morte! 😀

      Rispondi
  2. Isabel

    6 marzo 2012 at 09:21

    è arrivata pure a me…giovedì mi farò coraggio e andrò a sentire che vogliono!

    Rispondi
  3. perlinavichinga

    6 marzo 2012 at 11:33

    ultimamente mi capita spesso di andarci, dato che spedisco i miei lavori. ma pensa che, per essere sicura che arrivino a destinazione, li ivi o tutti per raccomandata…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:11

      Tra l’altro le Poste mi hanno recapitato un pacco che aspettavo da dicembre solo circa due settimane fa. Ma questa sarebbe tutta un’altra storia…

      Rispondi
  4. LaEli

    6 marzo 2012 at 11:56

    Il migliore un impiegato della posta vicino al mio ufficio (sezione bollettini etc): si alza in piedi ed esclama
    “Silenzio! Questo è il tempio del dolore! Qui si paga!”
    Evito cordialmente quell’ufficio da allora.
    In ogni caso ci sono un paio di cose nel tuo elenco che io in realtà farei volentieri ed almeno una che non conosco e non voglio approfondire…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:08

      Scommetto che una di queste è il cd di Vasco+Ligabue 😛

      Rispondi
      • LaEli

        7 marzo 2012 at 09:08

        Ossignùr NOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        Rispondi
  5. Federico

    6 marzo 2012 at 11:57

    Pare sia arrivata anche a me. Visto che sembra una trappola e soprattutto non vivo più in Italia credo manderò mia madre in avanscoperta. In ogni caso se sopravvivi mi aspetto un resoconto su cosa mi aspetta e su come debba fare per salvare dall’oblìo la povera PostePay.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:05

      Lo farò molto volentieri, ma soprattutto lo intitolerò “SURVIVOR”.

      Rispondi
  6. Roberto ®

    6 marzo 2012 at 12:25

    Ma quando ti è arrivata? E’ strano…a me sono arrivate diverse comunicazioni ma già dalla fine dell’anno scorso, perché i nuovi metodi di utilizzo della PostePay sono in vigore dal 1° febbraio. Praticamente, ogni volta che dovrai effettuare un pagamento online, dovrai inserire pure una password diversa ogni volta e che ti verrà inviata istantaneamente via sms. E quindi devi per forza andare alle poste e comunicare il tuo numero… Io ci ho impiegato due giorni, ma perchè avevo problemi con la password del sito. Se non fosse stato per questo inconveniente avrei fatto tutto subito…
    Comunque…il punto 3 è micidiale!!! 😀

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:04

      Io so solo che le poste che ci sono nei dintorni di dove vivo io sono formate dal personale più incompetente che esista. E ho come l’impressione che per fare questa cosa mi ci vorrà un’intera settimana.

      Rispondi
  7. Giulio GMDB

    6 marzo 2012 at 16:29

    A me ultimamente scrivono molto le poste italiEne con richieste dei miei codici perchè altrimenti sembra si blocchi tutto… Con tutti gli errori grammaticali che ci mettono sono quasi tentato di credere che siano autentiche… 🙂

    Rispondi
    • Signor Ponza

      6 marzo 2012 at 20:03

      No ma via mail mi arrivano delle richieste assurde, battute solo dalle richieste che trovo nella coda di spam del blog

      Rispondi
  8. Lollo

    6 marzo 2012 at 20:15

    Pure a me hanno mandato la stessa lettera.
    Che poi, cosa devo mettere in sicurezza che sulla Poste-Dio-l’abbia-in-gloria-Pay ho solo 3 euro?

    Illuminante come sempre!

    Rispondi
  9. devis

    7 marzo 2012 at 00:41

    Fortunatamente Nel mio paesello le poste, a parte i giorni del ritiro delle pensioni, non c’è mai un cane. Ma per quel cavolo di postepay e del numero da lasciare devo andare in un altro ufficio postale. E allora… Uso la carta paypal e la postepay la butto 🙂
    Mitici i dieci punti! Mi sa che la penso come te 🙂

    Rispondi
  10. Guady

    7 marzo 2012 at 08:49

    si, però il punto 10 non vale farlo in estate!!! SIA CHIARO!

    Rispondi
  11. Laura

    8 marzo 2012 at 10:43

    Non mi ricordavo più com’era andare alla posta in Italia, fino ad un mese fa quando ho dovuto varcare la soglia di un ufficio postale italiano per l’invio di un pacco ed é stata una esperienza a dir poco traumatica. C’era perfino gente che giocava a carte nella sala d’attesa… Però per consolarti posso dirti che alcuni anni fa sono stata in un ufficio postale in Argentina e sono quasi al livello delle poste italiane…

    Rispondi
  12. Davide

    10 marzo 2012 at 14:06

    La 8 è davvero pesante…nel senso letterale del termine:)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: