636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
Man Of Steel

Voglio lo stesso personal trainer di Henry Cavill

La doverosa premessa a questa recensione di Man of Steel è che i film della durata superiore ai 120 minuti dovrebbero essere incostituzionali. Uno non può entrare al cinema che è ancora pieno giorno, col sole ancora alto nel cielo e i garriti dei gabbiani, e uscire che è notte fonda ed è in corso un monsone che nemmeno nei film sulla fine del mondo. Eddai.

Per chi ancora non lo sapesse, Man of Steel è il primo film di quella che dovrebbe essere una trilogia, prodotta da Christopher Nolan e incentrata sul personaggio di Superman. Che, ricordiamo, è il più antipatico tra tutti i supereroi perché è quello più forte e a cui piace vincere facile, bon ci bon ci bon bon bon.

Nonostante il produttore sia lo stesso regista della fortunata (e pazzesca) trilogia di Batman, non aspettatevi in questo caso un film sulla stessa scia. In questo caso si tratta di una vera e propria trasposizione ben fatta del Superman personaggio della DC Comics.

Il film racconta la storia  fin dal principio, dal concepimento fino all’arrivo sulla Terra e alle difficoltà che hanno portato il giovane Clark a crescere in un mondo che, di fatto, non era il suo e che lo ha costretto, aiutato dai suoi genitori, a nascondere le sue straordinarie qualità. Fino a che però i suoi vecchi compagni di pianeta non vengono a reclamarlo nuovamente. Perché? Questo lo lascio scoprire a voi. Che tanto lo so che siete curiosi quanto una Loise Lane qualunque, che nel film non la smette di non farsi gli affari suoi e ficca il naso dappertutto, anche se è chiaro fin dall’inizio che l’unico posto dove vorrebbe ficcare il naso sono le mutande dell’uomo d’acciaio.

Il cast è un gran bel cast. Spuntano personaggi famosi da ogni angolo. Oltre al bello e bello bello in modo assurdo bravo Henry Cavill che interpreta Clark Kent e alla già citata giornalista in cerca d’acciaio Loise Lane interpretata da Amy Adams, troviamo anche Kevin Costner, Russel Crowe, Diane Lane, Laurence Fishburne e tanti altri che sicuramente conoscete voi meglio di me. È evidente che non abbiano badato a spese, a giudicare anche dagli effetti speciali che sono una cosa che fa bene agli occhi e al cinema in generale.

Così come non si possono non spendere due parole su Henry Cavill perfetto nei panni di Superman, ma soprattutto con un physique du role che rischia di distrarti per tutta la durata della pellicola.

Henry Cavill - Man of Steel

Man of Steel è un bel film, non perfetto, che sconta senza dubbio la necessità di dover raccontare tantissime cose in poco tempo (da questo deriva anche la durata di circa 145 minuti). A parte un po’ di lentezza iniziale e inevitabile, il film è comunque godibile in ogni sua parte, con una buona dose di voli, esplosioni, palazzi che cadono e vengono distrutti che aiutano a tenere alta l’attenzione.

CHIPS e CHEAP: CHIPS è senza dubbio il protagonista, un po’ CHEAP invece Loise Lane che non lascia mai il segno fino in fondo.

Livello di SHAZAMMABILITA’: molto basso. A meno che non vi piaccia avere sull’iPhone il rumore di Superman che sfreccia nell’atmosfera

Livello di BONAGGINE DEL CAST: Trentellode. Dato dalla media fra il 36 e lode di Henry Cavill e la sostanziale sufficienza del resto del cast, in particolare quello femminile.

Quando dura/quanto sarebbe dovuto durare: 145 minuti / 120 sarebbe l’ideale, anche se nel complesso non risulta mai eccessivamente pesante.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: 3 Anne Praderio abbondanti reduci dal cenone di Natale su cinque.

Anna Praderio Anna Praderio Anna Praderio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (6):

  1. Filo

    26 giugno 2013 at 10:07

    non so, io mi fermerei a due anna praderio e mezza anselma dell’olio, perché francamente sono uscito abbastanza piena da questo tripudio di CGI che rendeva tutto esageratamente finto. Ho amato invece la prima parte, quella sul pianeta natale Chitemmuort’ (si chiama così, mi pare), forse perché un po’ amo Russell Crowe e mi piace questa atmosfera da fine del mondo. comunque 10, 100, 1000 Henry Cavill per tutti, in alcune sequenze ero quasi imbarazzato dalla dose di testosterone presente sullo schermo. E per imbarazzato leggi pure quello che vuoi.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      26 giugno 2013 at 21:00

      Mi unisco all’imbarazzo dilagante in me ad ogni scena. Sulla prima parte potrei concordare, se solo non mi fossi distratto a leggere il cellulare (=potrei aver chiuso gli occhi per qualche minuto). Dopo aver visto Star Trek (la recensione arriverà a breve) forse mi sarei fermato a 2 e mezzo pure io.

      Rispondi
      • Giovanni JS

        30 giugno 2013 at 11:37

        Super-condivido! per me è un 6-5 su 10. Abbiamo degli ottimi primi 100 minuti che si bilanciano tranquillamente tra effetti speciali, sceneggiatura e trama (eccede di molto il testosterone, quasi ai livelli di Star Treck). Gli ultimi 45 ( come dice il sig. Ponza, riducibili tranquillamente a 20) sprofondano in un oceano di imbarazzo ed eccessi che ricordano un po’ Transformers 3 di Michael Bay facendo soffrire la pellicola di passaggi un po’ “tirati”.
        Se devo confrontarlo con Star Treck però per me il risultato è: Enterprise 7 Superman 5. =)

        Rispondi
          • Giovanni JS

            30 giugno 2013 at 12:32

            Già letta e concordo anche su quella! Io ho visto prima Star Treck e poi Superman. Io adoro Abrams in tutto quello che fa anche se alla fine poi manda sempre in vacca qualcosa (Lost, Alcatraz, qualche passaggio tirato di ST – sulla navicella di Marcus NESSSSSSSSUNO si è accorto che Scotty stava disattivando i megamissili? Come è possibile visto che poi Kirk, Scotty e Khan vengono attaccati in un anonimo corridoio da ben 5 guardie? mmmmh.. 🙂 ). Per quanto riguarda Snyder lo conosco molto poco ma quello che ho visto non mi ha mai entusiasmato come JJ, quindi mi ha meravigliato con riserva. Con il mio 6.5 gli voglio dare fiducia per il futuro perché ho visto che si è impegnato ma potrebbe fare di più (Caro Maestro mode on).

          • Signor Ponza

            30 giugno 2013 at 13:56

            A ci piace perché parla con il cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: