Working Capital 2013: fate lavorare le vostre idee, prima che ve le rubi(no)

Quante volte avete avuto un’idea geniale che vi avrebbe sicuramente resi ricchissimi? Quante volte questa idea è rimasta accantonata perché non avevate i soldi per realizzarla, anche perché c’è la crisi globale, il credit crunch, la bolla immobiliare e lo spread? Io tantissime.

Nella mia vita ho avuto un sacco di idee geniali che però sono sempre rimaste lì nel cassetto. Ora ovviamente quelle idee sono state sviluppate da altre persone che, mentre io sono qui a trascorrere le nottati a scrivere per il mio blog nella mia piccola camera da letto, loro ci guardano dall’alto di un jet privato, con un’aria di sufficienza e soffiandosi il naso con banconote da 500€. Ovviamente non ho nessun elemento che possa provare che io certe idee le abbia avute prime, quindi sto zitto e mi sento molto gemello Winklevoss.

Tutta questa introduzione perché oggi, come ho già fatto in passato, vorrei dare spazio a una bella iniziativa che potenzialmente potrebbe aiutare a renderci tutti ricchi e soprattutto a concretizzare quelle idee geniali che ci vengono in momenti di profonda riflessioni (= riunioni di lavoro o lezioni particolarmente noiose) e che si chiama Working Capital 2013. Working Capital 2013 ha l’obiettivo di facilitare l’incontro tra startupper, investitori e community sul territorio e lo farà in particolare in tre città: Milano, Roma e Catania.


Se avete un’idea di innovazione che vi piacerebbe sviluppare, potete sottoporla e, se verrete scelti, potrete partecipare a un programma di accelerazione grazie al quale alcuni mentor aiuteranno il vostro team nelle fasi iniziali di sviluppo.

Ma non finisce qui: Working Capital mette quest’anno a disposizione 30 grant da 25.000€ ciascuno, 15 dei quali verranno assegnati ai team che hanno partecipato al programma di accelerazione, mentre i restanti 15 verranno assegnati a chi è rimasto escluso.

Per presentare le idee c’è tempo dal 19 aprile al 30 settembre, ma il mio consiglio è quello di procedere il prima possibile se no finite come me con tante belle idee nel cassetto in mezzo ai calzini e ai vecchi orologi che rimangono lì tutta la vita.

Da quest’anno ci sarà inoltre una repository dove verranno raccolti tutti i progetti, anche quelli delle passate edizioni, che saranno quindi accessibili e “in vetrina” sia per investitori nazionali, sia per quelli internazionali. Per tutti i dettagli dell’iniziativa e il regolamento completo c’è un’apposita pagina facebook.

Voi avete qualche idea geniale che non vorreste vi rubassero e con la quale vorreste diventare ricchi? Basta accennarla nei commenti, non descrivetela nei dettagli, se no ve la rubo io.

Articolo sponsorizzato

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: