#XF6 Live Puntata 9 – La finalissima: perché niente è come te e me insieme

Avete fatto il ripassone che oggi interrogo? Stiamo finalmente per scoprire chi flopperà sfonderà nel mercato discografico italiano per i futuri 30 2 anni. Che la finalissima di X Factor 2012 abbia inizio.

Si parte subito forte con un simpaticissimo siparietto tra Alessandro Cattelan e Eros Ramazzotti che vince la Palma d’Oro per la peggior interpretazione ever.

I tre finalisti si esibiscono insieme a Eros sulle note di Terra Promessa. A contorno del tutto c’è della carne di manzo di prima scelta che suona dei tamburi. Un solo sguardo a Ramazzotti ci fa capire che la nevicata di questa sera a Milano non è per nulla casuale.

Per il vincitore ci sono in palio ben 300.000€ di contratto con una casa discografica, più o meno l’equivalente che un giovane laureato riuscirebbe a mettere insieme dopo 50 anni di stage a 500€ al mese. Quindi se non vince Chiara, giuro che grido.

Stasera ogni concorrente avrà l’occasione di duettare con un cantante in cerca di raccimolare qualche euro perché caduto in rovina artista di fama internazionale. Davide e Skye (ex Morcheeba) cantano Rome Wasn’t Built in a Day. Davide canta tutto alla stessa maniera, sempre muovendosi con la stessa scioltezza di un blocco di cemento armato. Simona invece è tarantolata e non sta ferma un attimo. Come già ricordato, ha nevicato di brutto su Assago.

Chiara canta con Mika che evidentemente non ha né una vita, né una carriera da portare avanti, visto che è sempre lì al Teatro della Luna. Il brano scelto è Stardust, le loro, due voci davvero incredibili, pochi cazzi. Anche se inserire frasi in italiano nel mezzo di una canzone interamente in inglese fa sempre perdere almeno 100 punti credibilità (e 50 punti fragola).

Ultimo a duettare è Ics che canta con Lisa Hanningan. Lisa Hanningan è quella stronza una grande artista che cantava con Damien Rice. Poi i due hanno deciso di separarsi, anche artisticamente, e il povero Damien ci è andato sotto come nemmeno un adolescente coi brufoli sulla fronte. Da allora, cioè circa 7 anni fa, non ha più scritto nulla. E io per questo non mi do pace. Intanto che vi ho spiegato la storia di Lisa Hanningan, Ics finisce di cantare What I’ll Do riscuotendo consensi da tutti i giudici.

La domanda che tutti ci poniamo, a pochi istanti dalla prima eliminazione della serata, è la seguente: chi seguirà le orme dei Moderni a fare pubblicità ai panini di McDonald’s?

La profezia di Daniele si avvera: sarà Ics a sfidare Chiara per la vittoria finale. Davide torna a casa e questo vuol dire che non sentiremo più il suo inedito “Centomila sfumature di cougar” “Centomila parole d’amore”.

E dopo aver generato casini con i numeri e i codici da utilizzare per votare che AdiConsum, Codacons e altri scassacazzi riuniti in associazione si sfregano già le mani, torna l’Eros nazionale con il suo nuovo singolo Un angelo disteso al sole.  La noia regna sovrana e io approfitto per andare in bagno. Torno ed Eros sta farfugliando qualcosa sulle collaborazioni nel suo nuovo disco, mettendo sullo stesso piano Club Dogo e Nicole Sherzinger. Bei tempi invece quando duettava con le pantere.

Riprende la sfida: Ics e Chiara cantano una versione short dell’inedito. Mi spiegheranno poi che senso ha fare cantare l’inedito tagliato, visto che da domani sarà sul mercato e l’obiettivo dovrebbe essere far vendere vendere vendere. Money Money Money must be funny in a rich man’s world. Ma vabbe’.

L’Enel Best Act va a Cixi per You’ve Got The Love che in realtà è solo un pretesto che consente a Luca Tommassini di sfoggiare le sue conoscenze internazionali, tipo Simon Cowell da Los Angeles che io me lo immagino dopo aver gestito le crisi di nervi di Britney Spears che chiama “Luca Tommassini Cell”.

Segue il momento revival, con un medley delle migliori performance. Ics ripropone Der Kommissar, che è sempre un bel vedere come performance ma anche basta, poi Iodio e Malarazza. Chiara invece per il suo midli (cit.) ha scelto Somewhere Over The Rainbow, The Final Countdown e You Do Something To Me. La superiorità vocale è netta. Sui capelli invece siamo lì in parità. Ics vince sulle doti motorie, visto che Chiara sul palco ha la stessa mobilità articolare che aveva Britney Spears ai VMAs 2007.

L’agonia della doppia finale non è ancora finita, dopo #SkyeaXfactor, mancano le esibizioni a cappella. Ics decide di fare harakiri con un rap senza senso. Chiara canta Shake It Out di Florence + The Machine. Chiudete il televoto. Chiudete il Teatro della Luna. Chiudete la televisione. Chiudete X Factor. Abbiamo una vincitrice, ora manca solo l’ufficializzazione.

https://twitter.com/FranAltomare/status/277174298974765056

E dopo aver celebrato la Festa del Grazie, ringraziando tutti, dal regista fino a quello che incita il pubblico in sala, per finire al parcheggiatore abusivo del Carrefour, il quinto giudice ha scelto che il vincitore di X Factor 2012 è – guarda un po’ non ce l’aspettavamo proprio-  Chiara.  Vittoria inaspettata quanto almeno quattro statuette ai prossimi Oscar per Les Miserables.

X Factor (e i miei commenti) terminano finalmente qui. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per rendere possibile questa rubrica settimanale: l’ego di Luca Tommassini, quello di Morgan e quello di Cixi, l’inglese di Simona Ventura, tutti i concorrenti di X Factor, i ballerini, gli autori, i macchinisti, gli uscieri, tutti. Ma anche tutti coloro che non mi hanno permesso di assistere nemmeno a UNA puntata in studio. Questa me la segno. E poi soprattutto voi che mi avete letto.

Voi però continuate a leggere il blog e volermi bene che io ve ne voglio tanto e ricordatevi che niente è come me e voi insieme.

Nelle puntate precedenti:

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: